Comunicati Stampa

In Limine, romanze da salotto e liriche da camera. A luglio la tre giorni

Venerdì 2 luglio, alle ore 10.30, nella Biblioteca del Conservatorio, si terrà la conferenza stampa di presentazione del seminario di riflessioni critiche e prassi interpretative dal titolo “In Limine”, organizzato dal Conservatorio, presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.

L’evento, che si svolgerà nell’Aula Magna nelle giornate del 7, 8 e 9 luglio 2021, con un ricco parterre di relatori, gode del patrocinio dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona, istituzione di impegno musicologico che si occupa della vita e delle opere del compositore Francesco Paolo Tosti e più in generale della musica vocale da camera.

Al termine della conferenza stampa si esibirà il quartetto di fisarmoniche composto da Pietro Tommasiello, Michele Stanco, Michele Storti e Michele D’Addona, che per l’occasione suoneranno Libertango di Astor Piazzolla e Movida di Ivano Battiston.

Comunicato 30 giugno

FESTA DELLA MUSICA: SUCCESSO DI PUBBLICO, TRA SOLD OUT E LA MARATONA FACEBOOK

Il cuore di Avellino torna a battere sulle note del “Cimarosa”.

La Festa della Musica organizzata dal Conservatorio, presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala, ha fatto registrare un vero e proprio successo di pubblico.

Sei gli eventi live che hanno fatto registrare il tutto esaurito. A partire dal concerto jazz Italian Landascape, con la partecipazione di Javier Girotto e Daniele Sepe, che ha visto l’area antistante il Conservatorio – nel rispetto delle norme anti covid - gremita in ogni ordine di posto.

Un copione che si è registrato – sempre nella giornata inaugurale – anche nelle corte di Palazzo di Governo, che grazie alla sensibilità del Prefetto Paola Spena, è stata riaperta al pubblico per l’esibizione della Giovanile del Cimarosa, a cui hanno preso parte anche il sindaco Gianluca Festa e il presidente della Provincia, Domenico Biancardi.

E tutto esaurito si è registrato anche domenica sera in occasione del concerto dal titolo “Il flauto traverso, la sua famiglia… e le percussioni”. L’evento, organizzato nei giardini del polo sportivo, grazie alla collaborazione del vescovo, Monsignor Arturo Aiello, ha visto la partecipazione di tantissimi appassionati.

Infine il sold out – nella giornata di lunedì – registrato nei giardini della Soprintendenza per i Beni Culturali, con le fisarmoniche del “Cimarosa” e l’omaggio ad Astor Piazzolla; il tutto esaurito per il concerto dell’Orchestra di fiati del Conservatorio e per il concerto di chiusura, con l’omaggio a Chick Corea.

La tre giorni di eventi ha fatto registrare il suo successo anche attraverso la maratona Facebook. La pagina del Conservatorio “Cimarosa” - durante la Festa della Musica - è stata seguita da quasi 33mila persone. Cinquanta i post pubblicati (tra foto, prove, backstage e dirette), con oltre 13mila interazioni e più di 11mila minuti di visualizzazioni video, con un picco registrato nella giornata d’inaugurazione con le arpe in concerto.

Ma la Festa della Musica è stata contrassegnata anche da un importante annuncio sul piano della didattica. Nel giorno della celebrazione dell’evento musicale - che si tiene il 21 giugno di ogni anno per celebrare il solstizio d'estate – il Ministero dell’Università e della Ricerca ha ufficializzato la firma al decreto che istituisce presso il Conservatorio “Cimarosa” di Avellino il Master di II livello in chitarra.

«Dobbiamo ammettere che organizzare un evento di questa portata non è stato affatto semplice, ma i risultati sono evidenti e la soddisfazione per lo straordinario successo registrato in questa tre giorni di musica, ci dà una ulteriore carica a proseguire su questa strada», hanno dichiarato il Presidente Achille Mottola e il direttore Maria Gabriella Della Sala.
«Il nostro doveroso ringraziamento va soprattutto agli allievi del Conservatorio “Cimarosa”. È grazie a loro, ai docenti e alla struttura amministrativa, se abbiamo centrato quello che era il nostro obiettivo: portare la musica tra la gente e respirare con il territorio. Ma un grazie sentito va anche alle Istituzioni – hanno aggiunto Mottola e Della Sala -. La rete che stiamo costruendo con la Diocesi, la Provincia, il Comune di Avellino e il protocollo d’intesa siglato con la Soprintendenza per i Beni Culturali di Salerno e Avellino, aprono a nuovi orizzonti. La musica è cultura ed oltre ad avere una funzione di integrazione sociale, come ha detto la Senatrice Russo – ieri presente ad Avellino per la Festa della Musica – rappresenta un volano di sviluppo. E la cultura può rappresentare il motore della ripresa del territorio e del Paese».

Comunicato 22 giugno

Festa della Musica, domani al Conservatorio la visita della senatrice Russo

Dopo il successo della prima giornata della Festa della Musica, organizzata dal Conservatorio "Cimarosa" presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala, oggi si replica.

Questa mattina l'apertura con la maratona di piano e Cosmic Harp. Nel pomeriggio - dalle 18.00 alle 18.45 - tre concerti in tre fontane (piazza Libertà, Bellerofonte e Grimoaldo) e al Corso Vittorio Emanuele l'evento Noisy Sax.

In serata - ore 21.00 - il concerto "Il flauto traverso, la sua famiglia...e le percussioni" a Parco Palatucci .

Domani - lunedì 21 giugno -, invece, sarà ad Avellino la senatrice Loredana Russo.
Membro della Commissione permanente Istruzione e beni culturali del Senato, alle 18.30 sarà presente al Conservatorio Cimarosa di Avellino per gli eventi di chiusura della Festa della Musica. Prima visiterà la mostra allestita presso la sala Ripa dell'ex Carcere Borbonico.

Musicista e docente, la senatrice Russo segue con particolare attenzione le problematiche legate alla formazione e alla ricerca musicale.

È prima firmataria di due importanti attività legislative: Istituzione dei nuclei per la didattica avanzata e introduzione di progetti di scuola aperta e di scuola diffusa negli istituti scolastici di ogni ordine e grado, e non ultima la "Delega al Governo per il riordino degli studi artistici, musicali e coreutici".

SI ALZA IL SIPARIO SULLA FESTA DELLA MUSICA 2021

Si alza il sipario sulla Festa della Musica 2021, organizzata dal Conservatorio di Avellino, presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.

Sabato 19 giugno, alle ore 10, in piazza Libertà, l’inaugurazione. Il Presidente della Provincia, Domenico Biancardi, e il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, parteciperanno - insieme al Presidente e al direttore del “Cimarosa” - al taglio del nastro, dando il via alla tre giorni di eventi.

Si parte con le arpe in concerto, per poi passare alla maratona pianistica. E ancora jazz e musica elettronica; la rassegna di musica da camera e quella di musica classica; l’Orchestra giovanile, il coro femminile, il quartetto di sassofoni, quello di chitarre e mandolini, i “clarinetti del Cimarosa”, chitarristi e solisti.

Dal 19 al 21 la città sarà invasa dalla musica. 26 gli appuntamenti previsti in 9 location. Si tratta dei luoghi simbolo del cuore antico di Avellino. Dalla corte del palazzo di Governo – dove sabato alle 20.30 la Giovanile del Cimarosa inaugurerà i concerti serali - all’ex Carcere Borbonico. Dal Duomo di Avellino alle fontane: piazza Libertà, Bellerofonte e Grimoaldo. Concerti anche al Conservatorio e a Parco Palatucci.

Durante la tre giorni si esibiranno oltre 330 musicisti, tra allievi e docenti del Conservatorio. 50 i concerti organizzati e oltre 220 i brani che saranno eseguiti: da Bach a Chopin, da Beethoven a Mozart.

Spazio anche alla musica elettronica con Cosmic Harp, una installazione sonora per arpa ed elettronica. L’opera è realizzata in collaborazione con l’INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, sezione di Napoli - ed è unica nel suo genere. TRAM (True RAndomness with Muons), l’invenzione di Pasquale Migliozzi e Carlos Maximiliano Mollo, consiste in un apparato di generazione di numeri veramente casuali che opera a partire da un fenomeno ad alto grado di entropia, come i raggi cosmici, e che può essere impiegato efficacemente all’aperto, in ambienti chiusi o sotterranei.

Per il jazz l’appuntamento più atteso è al Conservatorio (sabato 19 – ore 19.00) con Italian Landscape.
Gli alunni del “Cimarosa” apriranno il concerto che vedrà la partecipazione del grande sassofonista italo-argentino Javier Girotto. Con lui sul palco: Daniele Sepe (sassofono), Tommaso Scannapieco (basso), Peppe La Pusata (batteria) e Giuseppe Di Capua (piano), che accompagneranno la straordinaria voce di Marina Bruno, reduce dal successo con “Luxanimae”. Saranno eseguite musiche di Sepe, Girotto, brani di Concato, De Crescenzo, Mina, Viviani, Denza, Nicolardi, e l’immortale “‘O surdato ‘nnammurato” con le voci fuori campo di Mariano Rigillo ed Erri De Luca.

Lunedì 21 giugno, invece, nella sala Ripa dell’ex Carcere Borbonico l’inaugurazione della mostra di pittura del M° Leonildo Bocchino – che resterà aperta fino al 25 giugno - dal titolo «La Traviata» e «Tosca» a colori. Si tratta di un omaggio alla grande tradizione lirica italiana. Attraverso i suoi dipinti l’artista regala l’ideale sinestetico kandiskiano che unisce musica, dramma e pittura.

«La Festa della Musica rappresenta uno speciale momento di rinascita, di ripresa e di ripartenza. In questi tre giorni il Conservatorio, i suoi allievi, i suoi docenti, respireranno con il territorio e dopo questi lunghi mesi di isolamento a causa della pandemia, la musica del “Cimarosa” farà battere nuovamente il cuore di questa città», hanno dichiarato il presidente Achille Mottola e il direttore Maria Gabriella Della Sala.

Comunicato 17 giugno

TRE GIORNI DI EVENTI PER LA FESTA DELLA MUSICA

Tre giorni di eventi, 24 concerti in 9 diverse location della città e oltre 330 musicisti impegnati (tra allievi e docenti).
Sono questi i numeri della Festa della Musica in programma ad Avellino il 19, 20 e 21 giugno, organizzata dal Conservatorio “Domenico Cimarosa” presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.
Martedì 15 giugno alle ore 10:00, nell’Aula Magna dell’Istituto di Alta Formazione artistico-musicale, si terrà la conferenza stampa di presentazione.
«Dopo questi mesi di lockdown la Festa della Musica vuole essere un messaggio di speranza e di rinascita. Al tempo stesso portiamo la musica nei luoghi simbolo di Avellino per consolidare il legame con la città e respirare sempre più con il territorio», hanno dichiarato il presidente Mottola e il direttore Della Sala.
Alla conferenza stampa parteciperanno il vescovo di Avellino, Monsignor Arturo Aiello, il prefetto Paola Spena, il presidente della Provincia Domenico Biancardi, il sindaco di Avellino Gianluca Festa e Rosa Maria Vitola della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Avellino e Salerno.

Comunicato 13 giugno

SCOMPARSA MARIO CESA: L’IRPINIA PERDE UNO DEI SUOI FIGLI MIGLIORI

Con la scomparsa di Mario Cesa l’Irpinia perde uno dei suoi figli migliori.

«Musicista di vaglia, raffinato intellettuale, grande animatore culturale e storico didatta del Conservatorio di Avellino, Mario Cesa è stato punto di riferimento per intere generazioni di musicisti. Fine compositore, le sue opere erano conosciute in tutto il mondo. Ma si era anche dedicato allo studio delle melodie popolari della sua terra. Artista luminoso, negli anni era riuscito a far diventare la rassegna internazionale d’orchestra “Musica in Irpinia”, uno degli appuntamenti più importanti della Campania e non solo».

Così lo ricordano il Presidente del Conservatorio, Achille Mottola, e il Direttore Maria Gabriella Della Sala, che insieme al CdA, ai docenti e agli studenti del Conservatorio Cimarosa e al personale tutto, partecipano con profondo cordoglio al lutto che ha colpito la famiglia Cesa per la scomparsa dell'amato Maestro Mario.

Comunicato 12 giugno

CONSERVATORIO, CASTELLO E TEATRO GESUALDO CROCEVIA DELLE ARTI. AREA DA VALORIZZARE E RENDERE SEMPRE PIÙ FRUIBILE

Il sindaco Gianluca Festa ha ricevuto, stamattina in municipio, il nuovo presidente del Conservatorio «Domenico Cimarosa» Achille Mottola, accompagnato dal direttore dell’Istituto di Alta Cultura, Maria Gabriella Della Sala. All’appuntamento hanno preso parte anche il vice sindaco e assessore al turismo Laura Nargi e l’assessore ai lavori pubblici Antonio Genovese. Con questi ultimi e con l’assessore al verde pubblico Giuseppe Negrone, il sindaco Gianluca Festa ha tenuto, a seguire, un sopralluogo nell’area di interconnessione tra il Conservatorio, il Castello e il Teatro Gesualdo.
«Il Comune di Avellino s’impegna a sostenere le attività del Conservatorio Cimarosa, eccellenza artistica e culturale per la nostra comunità - ha dichiarato il sindaco Festa – e a promuovere e favorire ogni iniziativa che possa sdoganare e rendere la prestigiosa Istituzione sempre più radicata e in sintonia con la Città e il territorio».
«In primo luogo – ha rimarcato il sindaco - si potrebbe pensare alla valorizzazione della struttura campus, rendendola parte integrante di quel percorso che riguarda il recupero dell’adiacente area che custodisce il patrimonio archeologico del castello, in un progetto di riqualificazione urbana completa di tutto il centro storico, cui gli studenti, i docenti, i partecipanti ai concerti e agli eventi potranno accedere in totale sicurezza».
«Infine – ha concluso il primo cittadino - puntiamo ad attivare sinergie sempre più ampie tra il Conservatorio cittadino e il Teatro Carlo Gesualdo, nella comune sintonia verso l’eccellenza ed anche come occasione di crescita professionale e valorizzazione dei giovani musicisti formatisi nel Conservatorio».
Il presidente Mottola e il direttore Della Sala, nell’esprimere la piena disponibilità dell’ateneo della musica, hanno ringraziato il sindaco e l’amministrazione comunale per l’attenzione riservata all’Istituzione irpina di Alta Cultura e posto le basi organizzative per la celebrazione della Festa Europea della Musica, prevista per il prossimo 21 giugno e che vedrà il Conservatorio impegnato in diverse location cittadine.

Comunicato stampa del 3 maggio 2021

NASCE L’ORCHESTRA DEL CONSERVATORIO DI AVELLINO

IL PREFETTO SPENA APRE LE PORTE AI CONCERTI DEL “CIMAROSA”. A GIUGNO IL PRIMO EVENTO

Nasce l’Orchestra del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino.
Il via libera dal Consiglio d’Accademico arriva nel giorno in cui l’Istituto di Alta Formazione artistico-musicale, dopo mesi di Dad a causa dell’emergenza Covid, riapre le porte agli studenti.
Ma è stata anche la giornata delle prime visite istituzionali. In mattinata il presidente Achille Mottola e il direttore Maria Gabriella Della Sala sono stati ricevuti dal Prefetto Paola Spena e dal Questore Maurizio Terrazzi.
A Palazzo di Governo il presidente Mottola ha presentato la mission del Conservatorio (formazione, produzione artistica e ricerca), ribadendo la volontà dell’Ateneo musicale - che quest’anno festeggia mezzo secolo di storia - di riaprire le porte alla Città. E in questa direzione Mottola ha evidenziato l’importanza della sinergia tra le istituzioni presenti sul territorio.
Il Prefetto Paola Spena nel corso dell’incontro ha sottolineato la collaborazione fattiva che c’è sempre stata con il Conservatorio, aprendo le porte di Palazzo di Governo ai concerti e che già il prossimo 21 giugno potrebbe ospitare il primo evento in occasione della Festa della Musica.
Il presidente Mottola ed il Prefetto hanno anche posto le basi per avviare una collaborazione per l’istituzione di percorsi didattici dedicati agli studenti del Conservatorio sui temi della legalità, ma si sono poste anche le basi per la stesura di un protocollo d’intesa in materia di appalti.
«La nostra parola d’ordine è respirare il territorio – ha dichiarato il presidente del Conservatorio, Achille Mottola – e questo significa due cose: leggere il territorio e assecondarne i bisogni. Dopo le costrizioni di questi lunghi mesi, oggi riapriamo il Conservatorio non solo agli studenti, ma alla Città per ribadire l’importanza del valore inclusivo della cultura, dell’arte e della musica. E per questo ringrazio Sua Eccellenza il Prefetto ed il Questore per la disponibilità manifestata ad avviare un percorso sinergico in questa direzione».
Soddisfazione è stata manifestata anche dal direttore del Conservatorio Cimarosa, Maria Gabriella Della Sala: «C’è la volontà di ripartire. Oggi abbiamo fatto un primo importante passo con la ripresa delle lezioni in presenza e presto ripartiremo anche con le produzioni musicali. Siamo carichi di entusiasmo e abbiamo già programmato una stagione di eventi, con la volontà di rinascere insieme al territorio. E lo faremo grazie anche all’Orchestra del Conservatorio di Avellino».

Comunicato 20 aprile

MOTTOLA E DELLA SALA DOMANI INCONTRANO IL PREFETTO ED IL QUESTORE

Primi incontri istituzionali per i nuovi vertici del Conservatorio “Domenico Cimarosa”.
Domani, martedì 20 aprile, il presidente Achille Mottola e il direttore Maria Gabriella Della Sala, incontreranno il Prefetto di Avellino, Paola Spena, ed il Questore, Maurizio Terrazzi.
«La sinergia con il territorio è di fondamentale importanza. Gli incontri istituzionali, che seguiranno anche nei prossimi giorni, ci consentiranno di rafforzare ed intensificare ulteriormente quello stretto rapporto di collaborazione che da sempre lega il Conservatorio alle Istituzioni del territorio», dichiarano il presidente Achille Mottola e il direttore Maria Gabriella Della Sala.
«L’incontro di domani sarà anche l’occasione per illustrare le progettualità che l’Istituzione di Alta Formazione Musicale di Avellino intende attuare nei prossimi mesi. Il “Cimarosa” è un patrimonio artistico-culturale e formativo che va valorizzato. Dopo le costrizioni e le limitazioni dell’emergenza pandemica, il Conservatorio riapre alla Città all’insegna di un rinnovato e solidale momento dialogico. In questa ottica e su queste coordinate, punteremo al rilancio del ruolo guida del Conservatorio – hanno aggiunto – anche e soprattutto attraverso una qualificata programmazione artistica che rappresenterà un volano di crescita culturale e sociale della comunità».
Il presidente Achille Mottola ed il direttore Maria Gabriella Della Sala, saranno ricevuti alle ore 12.00 a Palazzo di Governo dal Prefetto Paola Spena.
Alle 12.45 è previsto l’incontro con il Questore Maurizio Terrazzi presso gli uffici di via Palatucci.

Comunicato 19 aprile

ACHILLE MOTTOLA È IL NUOVO PRESIDENTE

Achille Mottola, già commissario del Conservatorio «San Pietro a Maiella» di Napoli, è il nuovo presidente del Conservatorio «Domenico Cimarosa» di Avellino. Lo ha nominato, con proprio Decreto, il Ministro dell'Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa.
Giornalista, docente di Media Education e manager culturale, Achille Mottola è stato presidente del Conservatorio «Nicola Sala» di Benevento dall’ottobre 2006 al marzo 2013, già componente del Consiglio di Amministrazione dello stesso Conservatorio nonché di quello di Avellino, oltre che commissario, con funzioni di presidente e di Cda, dello storico Conservatorio «San Pietro a Majella» di Napoli.
«Ringrazio il Ministro Maria Cristina Messa - ha detto il neo presidente Mottola - per la fiducia riservata alla mia persona nel conferirmi un incarico così significativo. Esprimo sentimenti di viva gratitudine al Direttore Maria Gabriella Della Sala, verso la quale nutro una profonda stima, e ai Consiglieri Accademici, che, avendo apprezzato il lavoro svolto al servizio delle Istituzioni dell’Alta formazione artistica e musicale, hanno posto le premesse perché si potesse determinare questa gradita nomina. Metterò la mia esperienza, maturata in questi anni nel sistema dell'Afam, al servizio della prestigiosa Istituzione irpina, segno tangibile di un patrimonio artistico-culturale e formativo che va salvaguardato e valorizzato. Raccolgo il testimone del mio predecessore Luca Cipriano, che saluto cordialmente, con l’auspicio che il “Cimarosa” possa raggiungere sempre più ragguardevoli risultati. Sarò, assieme a tutta la struttura amministrativa, a supporto e sostegno della triplice mission del Conservatorio: formazione, produzione artistica e ricerca; in ascolto e in dialogo con tutte le componenti: dai docenti agli studenti, dal personale tutto alle forze sociali. Lavoreremo insieme - conclude il presidente Achille Mottola - perché il Conservatorio respiri sempre più con il territorio».

Comunicato 12 aprile

Menu