Comunicati Stampa

LO STORICO ORGANO “TAMBURINI” TORNA NELL’AUDITORIUM DEL CIMAROSA

ULTIMATO IL RESTAURO, È DOTATO DI 29 REGISTRI E 1.704 CANNE

Sono stati ultimati i lavori di restauro ed ampliamento dell’organo “Tamburini”, di proprietà del Conservatorio “Domenico Cimarosa” presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro. Ci sono voluti circa due anni per riportare al suo antico splendore lo strumento. Questa mattina la presentazione alla presenza del Presidente della Provincia di Avellino, Domenico Biancardi, a cui è seguita una breve esibizione del d’organo Giorgio Muto, docente del “Cimarosa”.
Lo strumento venne realizzato negli anni ‘70 dalla Pontificia Fabbrica d'organi del Comm. Giovanni Tamburini, una delle più rinomate ditte organarie italiane, basti pensare che la stessa ditta ha realizzato, tra gli altri, anche l’organo della Basilica San Pietro e quello del Duomo di Milano.
Tre anni fa, il presidente Luca Cipriano e l’allora Direttore del Conservatorio, il M° Carmine Santaniello (a cui poi è subentrato l’attuale Direttore, M° Carmelo Columbro) avviarono l’iter per il restauro, affidando la progettazione e la supervisione dei lavori al M° Francesco Bravo, in quegli stessi anni docente di organo presso il “Cimarosa”.
Le opere di restauro ed ampliamento sono state eseguita dalla ditta “Alessio Lucato” di San Martino di Lupari (Padova). Ci sono voluti due anni per riportare l’organo al suo antico splendore. È stata costruita una nuova cassa di risonanza in tavole di abete massiccio, sono stati sostituiti i somieri e la consolle, sono state costruite le meccaniche di trasmissione per tastiere e pedaliera, oltre alla fornitura di una centralina elettronica per la trasmissione dei registri e combinazioni e di altre canne per completare la disposizione fonica.
Lo scorso 3 giugno, con l’apertura agli spostamenti tra le regioni post-lockdown, l’organo è ritornato nella sua sede e dopo due settimane di lavoro è stato montato e posizionato sul palco dell’Auditorium. L'organo, che prima dei lavori era a trasmissione elettrica e contava diciotto registri distribuiti nei due manuali e pedaliera, oggi è a trasmissione meccanica per tastiere e pedaliera ed elettronica per il comando dei registri, così come era originariamente.
Largo 6.5 metri, alto 4.5 metri e profondo 2.07 metri oltre alla consolle, conta due tastiere con 56 note, una pedaliera con 30 note, 29 registri reali (14 al G.O., 10 al Pos/Espr. e 5 al pedale) e ben 1.704 canne in stagno, rame e legno di abete. L’organo oggi ha un valore stimato di oltre 400.000 euro.

PUBBLICATI I BANDI PER L’ANNO ACCADEMICO 2020/2021

LE DOMANDE DI AMMISSIONE POTRANNO ESSERE INVIATE FINO AL PROSSIMO 31 LUGLIO
Il Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, ha pubblicato i bandi per i corsi propedeutici DM 382/2018, per i diplomi di I e II livello.

Fino al prossimo 31 luglio 2020 è possibile presentare domanda di ammissione per l’anno accademico 2020/2021. Nello specifico sono 31 i corsi propedeutici ai quali si potrà presentare domanda, mentre sono 43 quelli per Diploma di I Livello e 42 per Diploma di II Livello.

Per quanto riguarda le procedure di presentazione delle istanze, le stesse vanno presentate esclusivamente on line sul sito Isidata.net al seguente indirizzo www.servizi2.isidata.net/SSdidatticheCO/Ammissioni/GestioneAmmissioni.aspx

Le istruzioni per compilare la domanda di ammissione sono riportate sul sito del Conservatorio “Cimarosa” alla voce “Guida alle Ammissioni on line”.
Per i corsi propedeutici sul sito del Conservatorio sono pubblicati i requisiti di accesso, la durata dei corsi e le prove di ammissione. Sempre sul sito del “Cimarosa” sono consultabili anche le domande di ammissioni al I e II Livello.

CONSERVATORIO: DAL 19 MAGGIO AL VIA ESAMI E LAUREE ONLINE

DEFINITO IL REGOLAMENTO DAL CONSIGLIO ACCADEMICO
Il Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, dà il via libera agli esami e alle lauree online. Il Consiglio Accademico ha licenziato il regolamento che disciplina le modalità per sostenere le prove a distanza attraverso l’uso della piattaforma Hangouts Meet, piattaforma già in uso da marzo anche per la didattica a distanza.

Dal 19 al 30 maggio si recupereranno gli esami di I e II Livello della sessione invernale (febbraio e marzo), che erano stati rinviati a causa della chiusura dell’Istituto dovuta all’emergenza epidemiologica da Coronavirus, oltre alle sessioni degli esami finali. Nel calendario esami sono state confermate le prenotazioni che erano state fatte dagli alunni e in buona parte anche la composizione delle Commissioni, già pubblicate prima della sospensione.
Dall’1 al 15 giugno, invece, si terranno anche le sedute di laurea.

Gli esami a distanza potranno essere svolti in tre forme diverse: orale, elaborato scritto, esecuzione strumentale o vocale. Quanto alla modalità potrà essere sincrona oppure asincrona, con invio di registrazioni audio/video.

IL CONSERVATORIO SI PREPARA ALLA FASE 2, ATTESE LE LINEE GUIDA PER IL POST LOCKDOWN

DIDATTICA DISTANZA SU HANGOUTS MEET SUPERATI I 2.800 COLLEGAMENTI
SI VALUTA LA POSSIBILITÀ DI FAR SOSTENERE GLI ESAMI ONLINE

Il Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, si prepara alla fase 2. Il Direttore e il Consiglio Accademico stanno valutando la possibilità di far sostenere gli esami online, mentre si attendono le disposizioni governative per il post lokdown.
Intanto le attività didattiche procedono a distanza. Lo scorso 16 marzo, con decreto del Direttore Carmelo Columbro, è stata attivata la formazione in e-learning sulla piattaforma Hangouts Meet, consentendo agli alunni iscritti al Conservatorio “Cimarosa” di poter continuare gli studi.
In oltre un mese, attraverso l’utilizzo della piattaforma VoIP di Google, che consente una comunicazione audio-video con sistema real-time sono stati registrati dal Conservatorio oltre 2.800 collegamenti, unicast e multicast, che hanno consentito per molte discipline e per molti docenti di portare avanti la programmazione didattica e le esercitazioni.
Riunioni online anche per il Consiglio d’Amministrazione ed il Consiglio Accademico, oltre all’attivazione dello smart working per tutti gli uffici amministrativi.
Ora, all’Università della Musica di via Cirumvallazione, si pensa alla fase 2. Il Direttore e il Consiglio Accademico stanno valutando la possibilità di far sostenere agli studenti del Conservatorio gli esami online. Si tratta di circa trecento prove, che dovrebbero svolgersi nel periodo a cavallo tra la metà dei mesi di maggio e giugno. Mentre si attendono le disposizioni governative per definire il post lockdown.

CONSERVATORIO: CHIUSURA PROROGATA FINO ALL’11 APRILE

LA DECISIONE DEL DIRETTORE COLUMBRO A SEGUITO DELL’ORDINANZA DEL COMUNE

Il Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, in ottemperanza a quanto previsto dai Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, dalle ordinanze della Regione Campania e del Comune di Avellino in materia di contrasto e contenimento al diffondersi del virus Covid-19, resterà chiuso fino all’11 aprile 2020.

La decisione del Direttore Carmelo Columbro, che si è allineato al provvedimento del Sindaco contenuto nell’Ordinanza n. 123 del 27/03/2020.

Fino a tale data continuerà ad essere garantita la didattica online sulla piattaforma Hangouts Meet per tutti i corsi per i quali i relativi docenti hanno potuto attivare l’insegnamento a distanza. Mentre gli uffici amministrativi proseguono con lo smart working e possono essere contattati agli indirizzi email delle rispettive aree, reperibili nella sezione “contatti” del sito internet www.conservatoriocimarosa.gov.it

TASSE UNIVERSITARIE, PROROGATE LE SCADENZE

IL CDA HA DELIBERATO DI FAR SLITTARE I PAGAMENTI A MAGGIO E LUGLIO 2020

Il CdA del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, si è riunito questa mattina in via telematica, come da disposizione del Governo, ed ha deliberato lo slittamento dei pagamenti delle tasse universitarie.
Per venire incontro alle esigenze delle famiglie e degli studenti del “Cimarosa” tenuto conto della fase di emergenza a causa dell’epidemia dovuta dal Covid-19, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato, in via eccezionale per l'anno accademico in corso, lo slittamento dei pagamenti relativi alla seconda e terza (ed ultima) rata delle tasse di iscrizione di tutti i corsi attivi, senza l’applicazione di alcuna mora.

Pertanto la scadenza della seconda rata prevista al 31 marzo è stata spostata al 30 maggio 2020, quella della terza (ed ultima) rata slitta dal 31 maggio al 31 luglio 2020.

Il Conservatorio di Avellino, intanto, facendo seguito alle misure preventive del Governo e della Regione Campania per contrastare l’emergenza epidemiologica dovuta dal coronavirus resta chiuso. Come da provvedimento del Direttore Carmelo Columbro, dallo scorso 16 marzo viene garantita la didattica online sulla piattaforma Hangouts Meet per tutti i corsi per i quali i relativi docenti hanno potuto attivare l’insegnamento a distanza.

Non si ferma nemmeno l’attività degli uffici amministrativi, avendo il Conservatorio di Avellino attivato la rete di smart working per consentire continuità alle attività. Tutti gli uffici possono essere contattati agli indirizzi email delle relative aree, reperibili nella sezione “contatti” del sito internet www.conservatoriocimarosa.gov.it

«La decisione di far slittare i pagamenti delle tasse universitariedichiarano il presidente Luca Cipriano e il direttore Carmelo Columbroera un atto dovuto, tenuto conto delle difficoltà che tutti stiamo vivendo in questo momento di emergenza nazionale».

UFFICI APERTI. SOSPESI DIDATTICA, ESAMI E SEDUTE DI LAUREA

ANNULLATI ANCHE TUTTI GLI EVENTI ARTISTICI IN PROGRAMMA

Il Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, in ottemperanza a quanto previsto dal DPCM 04/03/2020, art. 1 lett. D, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 ha sospeso le attività didattiche già a far data dal 05/03/2020 e fino al 15/03/2020.
Inoltre sono state sospese anche le sessioni di esame e le sedute di laurea fino ad emanazione di nuove disposizioni.
Effettuate le attività di sanificazione, disinfestazione e pulizia straordinaria di tutti gli ambienti, così come previsto dai Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il personale tecnico-amministrativo è regolarmente al lavoro e fino a nuove indicazioni osserverà dal lunedì al sabato un unico turno di servizio dalle ore 9:00 fino alle ore 16:30, rispettando i regolari orari di ricevimento al pubblico già in vigore per ogni singolo ufficio.
Si informa che la segreteria didattica resta aperta regolarmente, ma l’accesso è stato disciplinato in modo da consentire solo l’ingresso di due persone alla volta, osservando i seguenti orari: lunedì mercoledì e venerdì dalle 11 alle 12, martedì e giovedì dalle 15 alle 16.
Sempre con riferimento al DPCM 04/03/2020, aggiornato dal nuovo Decreto 08/03/2020 art. 2 lett. B, e fino ad emanazione di nuove disposizioni, il Conservatorio di Avellino ha sospeso tutte le attività di tipo artistico e annullato gli eventi in programma già patrocinati.
Rinviate, invece, le elezioni del nuovo Direttore del Conservatorio, che subentrerà al Maestro Carmelo Columbro, attualmente in carica. Le votazioni, previste nei giorni 10, 11, 12 e 13 marzo, sono state spostate ai giorni 17, 18, 19 e 20 marzo, dalle ore 12:00 alle ore 17:00. L'eventuale ballottaggio, invece, è fissato nei giorni 24, 25, 26, 27 marzo dalle ore 12:00 alle ore 17:00.

CONSERVATORIO, ARRIVA LA ZEZA DI BELLIZZI

IL 22 FEBBRAIO, ore 20:30, ALL’AUDITORIUM “VITALE”

“La Zeza è espressione dell’agire teatrale, che non è da intendersi come segno o cultura del divertimento ma come espressione di una collettività che rappresenta se stessa nello spazio e nel tempo”. Così Roberto De Simone ha definito una delle più antiche tradizioni folkloristiche dell’Irpinia.

Quest’anno i “custodi” di questa tradizione popolare hanno scelto il palcoscenico del Conservatorio di Avellino, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, per far rivivere una delle rappresentazioni più caratteristiche del Carnevale Irpino.

Sabato 22 febbraio, alle ore 20:30 (ingresso gratuito fino ad esaurimento posti), all’Auditorium “Vitale” di piazza Castello, andrà in scena la “Zeza, dalla strada al tempio della musica”. Ma sarà anche l’occasione per la consegna del premio “Terra di Zeza”, riconosciuto a protagonisti del panorama culturale.

La Zeza di Bellizzi Irpino dal 1974 è annoverata nel Patrimonio dei beni immateriali della Campania. È un pezzo di teatro popolare campano, riuscito ed apprezzato. Una sorta di "Promessi sposi” volgare, una rappresentazione che preesiste nella cultura contadina ed urbana della regione.

Ad accompagnare i personaggi che si esibiranno ci saranno: Vittorio Fusco (primo violino), Samantha Esposito (secondo violino), Ornella Davidde (viola), Ivana Bruno (violoncello), Carmela Saccone (flauto), Pasquale Saccone (sax soprano), Nino Lombardini (chitarra), Pellegrino Argenio (mandolino) e Stefano Picariello (tammorra).

L’ORCHESTRA GIOVANILE D’ARCHI SUONA LE “NOTE PER L’ANIMA”

GIOVEDÌ 20 FEBBRAIO, ore 19:00, TORNA LA RASSEGNA VOLUTA DAL VESCOVO DI AVELLINO

La musica come mezzo per invitare alla riflessione. Al “Cimarosa” torna “Note per l’anima”, rassegna organizzata dalla Diocesi di Avellino e sostenuta dal Conservatorio presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro.
Giovedì 20 febbraio (ore 19:00, ingresso gratuito), sul palco dell’Auditorium “Vitale”, insieme ai musicisti del “Cimarosa”, il Vescovo di Avellino, Monsignor Arturo Aiello, inviterà i presenti ad un momento di riflessione, nel tentativo di riscoprire la città dell’anima che è dentro di noi; di riscoprire i sensi interiori percorrendo la via della bellezza.

Ancora una volta la musica come mezzo per invitare al pensiero in quella che è una una sorta di “sonata a quattro mani” dove si alternano musica dal vivo e meditazione.
Sul palco, in questa serata di riflessione, ad accompagnare le parole del Vescovo di Avellino, ci saranno l’Orchestra Giovanile di Archi del Conservatorio di Musica di Avellino e il soprano Anna Corvino.

Con la direzione del M° Roberto Maggio eseguiranno, elaborazione per Orchestra D’Archi di Francesco Colasanto, “La Serenata” di Gaetano Braga; “Nuovo Cinema Paradiso” di Ennio Morricone (trascrizione per orchestra d’archi di Francesco Colasanto) e “O mio babbo caro” di Giacomo Puccini.
Nella seconda parte della serata, l’Orchestra Giovanile di Archi del Conservatorio di Musica di Avellino, diretta dal M° Francesco Colasanto, eseguirà “The Sheltering Sky” di Ryuiki Sakamoto; “Sinfonia d’aprile”, suite per archi, e l’“Ave Maria”, con il soprano Anna Corvino, dello stesso Colasanto; “Libertango” di Astor Piazzolla.

AL CONSERVATORIO “C’È MUSICA E… CINEMA”

IL 18 FEBBRAIO AL VIA LA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA
CHE FA PARTE DEL PROGETTO DE “LE SCRITTURE”

Al via la prima edizione di «C’è Musica e…..Cinema», proposta cinematografica che si collega al più ampio progetto «Le Scritture», che propone incontri con compositori, interpreti e musicologi di chiara fama nelle forme del concerto, della master-class e del work-shop.
L’evento, organizzato dal Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, e curato dal Maestro Vincenzo Gualtieri, nasce dall’assunto che il Cinema può di fatto considerarsi una forma di Scrittura, inizialmente su nastro di celluloide ed oggi anche su supporto digitale.
Sei le proposte della rassegna cinematografica che si terrà da febbraio ad aprile nell’Aula 44. Si parte martedì 18 febbraio (ore 15:00). L’accurato lavoro di ricerca svolto dalla BBC, rende oggi possibile assistere all’assai credibile ricostruzione di un giorno di inizi ‘800, in cui un giovane compositore-direttore d’orchestra (Beethoven) svolge le prove della sua III Sinfonia. In Eroica, assieme al profilo umano dei presenti, si colgono le possibili condizioni di ascolto di ambienti privati destinati alla fruizione musicale, in un giorno che «avrebbe cambiato la Musica per sempre».

Menu