Home‎ > ‎Docenti‎ > ‎

Matteo Fossi

PROFESSORE DI PRIMA FASCIA
 Settore artistico disciplinareCODI/21 Pianoforte
 InsegnamentiPrassi esecutive e repertori
Prassi esecutive e repertori monografici

Metodologia dell'insegnamento strumentale
Fondamenti di storia e tecnologia degli strumenti
 Giorni di lezioneVenerdi 12.30-18.30 (aula --), Sabato 9.30-16.30 (aula 24)
 Ricevimento da concordare con il docente
 Contattimatteo.fossi@conservatoriocimarosa.org


Matteo Fossi, nato a Firenze nell’ottobre 1978, ha iniziato lo studio del pianoforte a otto anni alla Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Tiziano Mealli, che l’ha condotto dai primi passi sullo strumento al diploma, conseguito nel 1999 al Conservatorio di Ferrara col massimo dei voti. Successivamente si è perfezionato dapprima con Maria Tipo e Pietro De Maria, poi con Pier Narciso Masi, e nel 2001 ha frequentato come allievo effettivo il Seminario di Maurizio Pollini all’Accademia Chigiana di Siena.

Dopo aver vinto, giovanissimo, alcuni primi premi ad importanti concorsi nazionali solistici e di musica da camera, nel 1994 ha debuttato come solista a Firenze eseguendo il Concerto in re maggiore di Haydn in occasione del tradizionale Concerto di Capodanno con l’Orchestra della Scuola di Musica di Fiesole; da allora si è spesso esibito come solista, anche con orchestra, in importanti teatri italiani quali il Comunale di Firenze. Il suo repertorio spazia da Bach a Schnittke, con un’attenzione particolare alla musica del Novecento, testimoniata anche dalla sua assidua collaborazione con l’Ensemble Nuovo Contrappunto diretto da Mario Ancillotti.

Fin da piccolo si è dedicato con passione alla musica da camera, sotto la guida di artisti quali Piero Farulli, Pavel Vernikov, Pier Narciso Masi, Alexander Lonquich, il Trio di Milano, Mstislav Rostropovich. Nel 1995 ha fondato il “Quartetto Klimt”, complesso divenuto ben presto una delle realtà più interessanti del camerismo italiano; tale gruppo, vincitore nel 1998 del Concorso Internazionale “Gaetano Zinetti” di Sanguinetto (VR), ha attirato su di sé l’attenzione di grandi artisti quali Yuri Bashmet, Natalia Gutman, Maurizio Pollini, Carlo Maria Giulini. Nel 2010 ha inciso per Amadeus i due Quartetti di Schumann.

Il duo che Matteo Fossi ha formato con la violinista Lorenza Borrani risale ai primissimi anni della loro infanzia, e si è distinto in importanti concorsi nazionali ed internazionali, come il Premio Internazionale “Città di Gubbio” 1997, il IV Concorso Internazionale di Musica da Camera “Perugia Classico” 1998, il XVIII Concorso Internazionale di Musica da Camera di Trapani (nel quale si è aggiudicato anche il Premio della Stampa per la migliore interpretazione romantica con la Sonata op.78 di Brahms) e nel 2000 il Concorso internazionale “Premio Trio di Trieste”. Il duo si è esibito presso la Fondazione Walton di Ischia (in occasione del centenario della nascita di William Walton) alla presenza del Principe Carlo d’Inghilterra, ed ha inciso un cd beethoveniano per l’Unicef. Nell’estate 2003 ha effettuato una tournée in Brasile, e vi è stato nuovamente invitato nel 2004 e nel 2005. Nel 2005 si è diplomato all’Accademia di Imola con uno speciale Master “quale miglior insieme in assoluto dell’ultimo decennio”.

Matteo Fossi suona in duo pianistico con Marco Gaggini, con cui ha intrapreso l’integrale dell’opera per due pianoforti di Johannes Brahms. Del 2010 è l’uscita della prima registrazione integrale mondiale, edita da Universal, delle Sinfonie trascritte per due pianoforti. Nell’autunno 2012 è uscito, edito da DECCA, il completamento del progetto.

Da segnalare le collaborazioni con artisti quali Antony Pay, Mario Ancillotti, Andrea Nannoni, Alexander Ivashkin, Cristiano Rossi, Marco Rogliano, Paolo Carlini, Hansgeorg Schmeiser, Leonardo De Lisi, Othmar Müller, Petra Magoni, Luca Benucci, Moni Ovadia, Milena Vukotic, Mario Caroli, Sonia Bergamasco, Suzanne Linke, il Quartetto di Cremona, il Quartetto Savinio (con cui ha registrato nel 2011, editi da DECCA, i Quintetti di Dvořak e Shostakovich).

Fossi è stato invitato da alcune fra le più prestigiose associazioni concertistiche italiane, quali l’Accademia Filarmonica Romana, la Società dei Concerti di Milano, gli Amici della Musica di Firenze, Perugia, Verona, Modena, Padova, Campobasso e Palermo, la GOG di Genova, Musica Insieme di Bologna, Lingotto Musica di Torino, e da festival quali Bologna Festival, la Biennale di Venezia, Ravello Festival, Elba Isola Musicale d’Europa, l’Ater Festival di Rimini, il Festival di Cervia e molti altri. All’estero ha suonato in stagioni importanti quali il Festival di Radio France a Montpellier (Francia), l’Oleg Kagan Festival di Kreuth (Germania), l’Encuentro de Musica y Academia di Santander (Spagna) e il Festival “Splendor of Florence” di New York (USA). E’ stato più volte protagonista in trasmissioni televisive e radiofoniche della RAI-Radio Televisione Italiana.

Da qualche anno si impegna attivamente anche nell’organizzazione e nella diffusione della musica; è direttore artistico dell’Associazione “Nuovi Eventi Musicali”, nata nel 2001, con cui ha portato a Firenze alcune delle più importanti personalità musicali a livello mondiale, tra cui Rostropovich, Kagel, Penderecki, la Gubaidulina, il Kronos Quartet, solo per citarne alcuni. E’ presidente dell’Orchestra da Camera “I nostri tempi”, e per due anni è stato direttore artistico del settore classico dell’Estate Fiesolana, il più antico Festival all’aperto in Italia.

Matteo Fossi insegna musica da camera presso la Scuola di Musica di Fiesole, e pianoforte principale presso il Conservatorio di Musica “Domenico Cimarosa” di Avellino.

Comments